M5S, OK ALLA “EUROSVOLTA” DI GRILLO: IL 78% DICE SÌ ALLA SEPARAZIONE DA FARAGE

loading...

Il Movimento 5 Stelle abbandona il gruppo euroscettico di Nigel Farage ed entra nell’Alde, il gruppo europeista e liberale di Guy Verhofstadt.

La proposta di Beppe Grillo è stata approvata dagli iscritti del blog con il 78,5% dei voti favorevoli, pari a quasi 32mila dei 40mila votanti. In 6.444 hanno votato per la permanenza nell’Efdd e in 2.296 per confluire nei non iscritti.

Lo si apprende dal blog di Beppe Grillo.

Come nelle precedenti votazioni sul codice etico, anche per il passaggio al gruppo del Parlamento Ue guidato da Verhofstadt ha votato meno di un terzo degli iscritti M5S: 40.654 su 135.023 risultanti fino al primo gennaio 2016.

“Accordo con Alde siglato il 4 gennaio” – “Alde e M5S condividono i valori centrali della libertà, dell’uguaglianza, della trasparenza”.

Esordisce così un testo di accordo, che porta la data del 4 gennaio, tra il Movimento e il gruppo europeo guidato da Guy Verhofstadt. Il testo è stato pubblicato in Rete in mattinata.

“Riforma dell’Eurozona” e “i diritti e libertà” sono alcuni dei titoli principali del testo che, di fatto, ripercorre alcuni punti sottolineati sul blog di Beppe Grillo.

“L’Euro va mantenuto ma non basta” – Uno dei passaggi fondamentali dela bozza di accordo è quello in cui si dice che l’euro va mantenuto ma non basta.

“negli ultimi dieci anni ” – si legge nel testo datato 4 gennaio – la nostra moneta unica ha dimostrato di essere stabile e resistente agli shock esterni, ma non è stata all’altezza nel rafforzare la nostra economia e il raggiungimento della convergenza tra le economie nazionali.

Abbiamo bisogno di costruire intorno alla moneta comune un sistema che è in grado di assorbire shock economici nella zona euro e che ha bisogno di essere gestito da una nuova governance che deve essere integrata in strutture trasparenti e democratiche”.

Grillo saluta Farage – Dopo l’esito delle consultazioni, il leader 5 stelle saluta Farage: “Le nostre strade si sono divise” scrive Beppe Grillo sul suo blog sove sottolinea la decisione del Movimento di convergere in un nuovo gruppo politico in modo da “poter affrontare con più concentrazione le prossime sfide”.

Di Maio attacca la stampa – Nel frattempo, Luigi Di Maio prende posizione contro la stampa e cerca di smorzare le polemiche interne al Movimento ed esclude spaccature in seguito all’”Eurosvolta” voluta da Grillo: “La stampa anche oggi parla di “Movimento spaccato”.

Sono sempre quelli che hanno mancato clamorosamente i piu’ grandi avvenimenti politici degli ultimi anni, dalla Brexit, al referendum costituzionale italiano fino a Trump. Applicano schemi del 900 alla politica del 2017. Contenti loro…La democrazia per loro è spaccatura. Per noi è decisione partecipata” ha scritto su Facebook il vicepresidente della Camera.

Fonte: Qui

RESTA COLLEGATO CON NOI, SCARICA LA NOSTRA APP. (ANDROIDiOS)

OPPRE INSTALLA LA NOSTRA ESTENSIONE PER CHROME QUI

CI TROVI ANCHE SU TEELGRAM CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI





Loading...

Commenta per primo

Rispondi